Corsi

CONCORSO (scad. 15 ottobre 2020)  

Concorso pubblico per la copertura di complessive mille unita’ di personale non dirigenziale, a tempo determinato della durata di ventiquattro mesi, per il profilo di operatore giudiziario, area funzionale seconda, fascia economica F1, nei ruoli del personale del Ministero della giustizia – Amministrazione giudiziaria, ad eccezione della Regione Valle d’Aosta. (GU n.72 del 15-09-2020)


Posti messi a concorso 

E’ indetto un concorso pubblico, mediante colloquio di idoneita’ e valutazione dei titoli, per il reclutamento di complessive n. 1.000 unita’ di personale non dirigenziale, con contratto di lavoro a tempo determinato della durata di ventiquattro mesi, anche in sovrannumero rispetto all’attuale dotazione organica, per il profilo di operatore giudiziario, da inquadrare nell’Area funzionale seconda, fascia economica F1, nei ruoli del personale del Ministero della giustizia – Amministrazione giudiziaria, ad eccezione della Regione Valle d’Aosta. E’ garantita la pari opportunita’ tra uomini e donne per l’accesso al lavoro, cosi’ come previsto dal decreto legislativo 11 aprile 2006, n. 198, e dall’art. 35 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.


Quali sono i titoli valutabili?

Il bando specifica la soglia di punteggi attribuibili ai singoli titoli per superare la selezione. Vengono considerati, oltre ai tirocini elencati tra i requisiti, anche certificazioni pc (ECDL) e linguistiche (almeno B2).

Di seguito l’attribuzione dei punteggi:
– periodo di perfezionamento presso l’Ufficio per il processo 21 punti;
– tirocinio formativo di cui all’art. 37, comma 11, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98 17 punti;
– tirocinio ai sensi dell’art. 73 del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69 13 punti;
– attività di tirocinio e collaborazione presso gli Uffici giudiziari 9 punti;
– essere stati, quali volontari in ferma breve e ferma prefissata delle Forze armate 5 punti;
– avere completato senza demerito, quali ufficiali di complemento in ferma biennale e ufficiali in ferma prefissata, la ferma contratta, 2 punti.

Come posso prendere le certificazioni informatiche e linguistiche?

Chiama allo 0922-651672 o recati in Via Lombardia, 50 – Vill. Mosè-  Agrigento e scegli i nostri pacchetti

 


Requisiti per l’ammissione

1. Per l’ammissione al concorso sono richiesti i seguenti requisiti, che devono essere posseduti alla data di scadenza dei termini di presentazione della domanda di partecipazione nonche’ al momento dell’assunzione in servizio: a) cittadinanza italiana ovvero cittadinanza di altro Stato membro dell’Unione europea. Sono ammessi altresi’ i familiari di cittadini italiani o di un altro Stato membro dell’Unione europea, che non abbiano la cittadinanza di uno Stato membro, ma che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, nonche’ i cittadini di Paesi terzi titolari del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o titolari dello status di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria, ai sensi dell’art. 38 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165. Per i soggetti di cui all’art. 38 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 essere in possesso dei requisiti, ove compatibili, di cui all’art. 3 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 7 febbraio 1994, n. 174; b) eta’ non inferiore a diciotto anni; c) possesso di diploma di istruzione secondaria di primo grado; d) possesso di uno dei seguenti titoli: i. avere completato il periodo di perfezionamento presso l’Ufficio per il processo ai sensi del comma 1-bis dell’art. 50 del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 90, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 agosto 2014, n. 114; ii. avere completato il tirocinio formativo di cui all’art. 37, comma 11, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111, e successive modificazioni, nel caso in cui non si sia fatto parte dell’Ufficio per il processo; iii. avere svolto, con esito positivo, il tirocinio ai sensi dell’art. 73 del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 98, attestato ai sensi del comma 11 del suddetto articolo; iv. avere svolto, per almeno un anno, attivita’ di tirocinio e collaborazione presso gli Uffici giudiziari, attestate dai Capi degli Uffici medesimi, diversa da quelle indicate nei due punti precedenti; v. essere stati, quali volontari in ferma breve e ferma prefissata delle Forze armate, congedati senza demerito o nel corso di ulteriore rafferma; vi. avere completato senza demerito, quali ufficiali di complemento in ferma biennale e ufficiali in ferma prefissata, la ferma contratta. e) idoneita’ fisica allo svolgimento delle funzioni cui il concorso si riferisce. Tale requisito sara’ accertato prima dell’assunzione all’impiego; f) qualita’ morali e di condotta di cui all’art. 35, comma 6, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; g) godimento dei diritti civili e politici; h) non essere stati esclusi dall’elettorato politico attivo; i) non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento, ovvero non essere stati dichiarati decaduti o licenziati da un impiego statale, ai sensi dell’art. 127, primo comma, lettera d), del testo unico delle disposizioni concernenti lo statuto degli impiegati civili dello Stato, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3, e ai sensi delle corrispondenti disposizioni di legge e dei contratti collettivi nazionali di lavoro relativi al personale dei vari comparti; j) non aver riportato condanne penali, passate in giudicato, per reati che comportano l’interdizione dai pubblici uffici; k) per i candidati di sesso maschile, posizione regolare nei riguardi degli obblighi di leva secondo la vigente normativa italiana. 2. Per i candidati diversi dai cittadini italiani e dai cittadini di uno Stato membro dell’Unione europea i precedenti punti g), h) e k) si applicano solo in quanto compatibili. 3. I candidati vengono ammessi al colloquio di idoneita’ con riserva, fermo restando quanto previsto dall’art. 12 del presente bando. 4. L’Amministrazione provvedera’ d’ufficio ad accertare il possesso del requisito delle qualita’ morali e di condotta, fermo restando quanto previsto dall’art. 3, comma 10, e dall’art. 12, comma 3


Pubblicazione del bando e presentazione della domanda. Termini e modalita’

1. Il presente bando sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana – 4ª Serie speciale «Concorsi ed esami». Sara’ altresi’ consultabile sul sito ufficiale del Ministero della giustizia, www.giustizia.it. 2. Il candidato dovra’ inviare la domanda di ammissione al concorso esclusivamente per via telematica, compilando il modulo on line sul sito del Ministero della giustizia, entro il termine perentorio di trenta giorni decorrenti dal giorno della pubblicazione del presente bando nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica – 4ª Serie speciale «Concorsi ed esami».

Rispondi

WhatsApp
Invia messaggio!